giovedì 20 marzo 2014

Përché ch'i fas d' cansson? - Cansson piemonteise edite e inedite d'Cesare Scotta (1868)

I l'hai trovà cost liber scannerisà da Google, n'autor ch'i l'avìa mai sentù: Cansson piemonteise edite e inedite d'Cesare Scotta (1868). So nom a l'é mensionà an sla Wikipedia piemontèisa an: https://pms.wikipedia.org/wiki/Cesare_Scotta Cesare Scotta a l'é nassù ant ël 1838 e a l'é mòrt ant ël 1874. A l'era avocat e a l'avìa ël tìtol ëd cavalié. Gnune musiche, però. Fòrse quaidun a podrìa butele an mùsica?

domenica 9 marzo 2014

Fer dël mësté

Combin che ij mè a l'avìo tajame la lenga (piemontèisa), con costi utiss i l'hai podù torna butela a pòst...


Rispet dij confin


A l'é nen mach përché mi famìja a l'é piemontéisa s-cèta da generassion che mi i son anteressà a la protession dla identità, lenga e cultura piemontèisa. Susten-e la càusa dël piemontéis, për mi a fa ëdcò part dla resistensa contra l’omologassion coltural autoritaria e la decadensa moral e spiritual dël temp d'ancheuj (relativism moral).

As trata nen tant ëd difende le tradission del temp pasà quai ch'a sio (con lolì a vanta avéj disserniment e cognision), ma avej el corage ‘d vive e propon-e ij valor etèrn che Nosgnor a l'ha gravà an sla pera sòlida dle montagne, la pera dël Sinai, e che a fan part dla nòstra tradission. Ij Comandament, la Lege moral e spiritual che Nosgnor a l’ha dane, a son la garansìa ùnica ëd nòstra vita.

Ij Comandament (ch’a compèndio tute le prescrission ch’as treuvo an tuta la Bibia) a son la sostansa dël Pat etérn, dl’acòrd, che Nosgnor a l’ha sigilà con l’umanità A l’é pròpri col Pat-lì che a stabilìss la fòrma federalista dl’ëstat (figurà da la confederassion dle dodes tribù d’Israel) andoa minca una tribù a l’avìa sua identità e indipendensa e, ant l’istéss temp, a l’era ligà ën confederassion con tute l’àutre. El rispet un-a për l’àutra a l’era part dij òbligh ch’a l’avìo con Nosgnor, tant coma al respét ëd tuti ij comandament dla lege moral ëstabilìa.

Combin che l’umanità a sia un-a, a l’é stàit Nosgnor ch’a l’ha fissà le demarcassion (ij confin) dle nassion e le lenghe. La nassion piemontèisa, con soa lenga e cultura, a l’é un-a ëd cole. La Bìbia a dis: “Chiel [Nosgnor] a l’ha fàit che tuta la spècie uman-a, sortìa d’un sol sang, a abitèissa su tuta l’estension dla tèra, an avend determinà la durà dij temp e ij confin ëd soa abitassion” (At 17:26). Conforma a la dutrin-a bìblica e cristian-a, Ij confin nasional e moral a venta rispetéje! El Signor Gesù Crist a l’ha ‘co dìit: “Sté nen a chërde che mi i sìa vnù a dësfé la Lege o ij proféta; i son nen ëvnù për casseje, ma për compije” (Maté 5:17).

Traduction in Interlingua:  Respecto pro le confinios - Favorar le causa del (lingua e cultura) pedemontese pro me il es un aspecto del resistentia contra le homologation autoritari e le decadentia moral e spiritual de nostre tempores (relativismo moral). Il non se tracta de defender un qualcunque tradition del tempore passate (con illo on debe haber discernimento), ma haber le corage de viver e de proponer le valores eterne que Deo ha incidite in le petra solide del montanias, le petra del Sinai, e que face parte de nostre tradition. Le commandamentos (le lege moral e spriritual que Deo nos ha date, es le garantia unic de nostre vita. Le commandamentos (que resume tote le prescriptiones que se trova in le Biblia), es le substantia del Pacto eterne que Deo ha sigillate con le humanitate. Il es exactemente ille Pacto, que decerne le forma federalista del stato (representate del confederation del dece-duo tribos de Israel), ubi cata un tribo habeva su identitate e independentia e, in le mesme tempore, esseva ligate in confederation con tote le alteres. Le respecto reciproc esseva parte del obligationes que illes habeva con Deo, tanto como le respecto de tote le commandamentos del lege moral establite. Benque le humanitate sia un, il esseva le Senior que fixava le confinios del nationes e le linguas. Le nation pedemontese [in nostre caso], con su lingua e cultura, es uno de illos. Le Biblia dice: “Deo ha facite que tote le genere human, derivate de un sol sanguine, habita sur tote le extension del terra, habente determinate le durata del tempores e le confinios de lor habitation” (Actos 17:26). Secundo le doctrina biblic e christian, on debe respectar le confinios national e moral! Le Senior Jesus Christo ha dicite alsi: “Non pensa que io veniva pro annihilar le Lege o le prophetas. Io ha venite non pro annihilar ma pro accomplir los” (Mattheo 5:17).

mercoledì 5 marzo 2014

La patria cita, poesìa ëd A. Mottura


"La patria cita" (la piccola patria) è una poesia famosa per chi conosce la letteratura piemontese. L'autore, A. Mottura, nel 1940, si rivolge al giovane che sta partendo per far fortuna nel mondo allontanandosi da casa ed esortandolo a non dimenticarsi mai della sua piccola patria naìa, il Piemonte, la terra dei suoi antenati, la terra che l'ha formato e la terra in cui tornerà.  Eccone il testo originale con la traduzione in italiano, e letta magistralmente dal cantautore Gipo Farassino, recentemente scomparso.

La Patria cita

Giovo ch’it intre adess fresch ant la vita,
ansios ëd core a scheurve tut ël mond,
e it cove un seugn ëd glòria che at invita
a conòsne ij misteri pì profond,
prima ‘d pié ‘l vòl për ij paìs lontan
fërmte un moment. L’é pì nen temp doman.

Come it ricorderas toa Patria cita,
ant ij ani lest che at porteran an gir,
ant la stra dël gran mond nen sempre drita,
ant j’ore ‘d gòj che a passo ant un sospir;
se it fërme nen adess un momentin
për conòsla un pò mej vorendje bin?

Guardte d’antorn: cost l’é tò mond, toa tèra,
dova it ses nà, dova l’é nà tò pare,
dova che a parlo e a vivo a na manera
a gnun-e uguala. Guardje e che at sìo care
coste sità, sto cel, coste campagne,
ëd sa Regin-a ancoronà ‘d montagne.

Sta tèra dla pianura e dle colin-e,
rossa dle vigne e rica ‘d camp e ‘d pra,
quasi color dij mon ëd le cassin-e,
da la povra montagna al rich Monfrà
l’é nòstra mare, noi da chila i vnoma,
noi soma sò e a chila i torneroma.

Là ‘nt la Provincia granda e ‘nt l’Astesan,
su ‘nt le ca ‘d pere spatarà an montagna,
a jë sta nòstra gent, son coj che a san
come a l’é bon ël pan quand ch’as guadagna.
Giovo ampara a conòssje, a son dij tò,
Nà da sta tèra che a së specia an Pò.

‘T vëdras che ant ij moment dla nostalgìa
it ricordras nòstre canson dij vej;
nòstra parlada rudia e colorìa
të vnirà an boca ant ij moment pì bej;
paròle dësmentià tant dosse e care
come da cit at jë disìa toa mare.

Ti adess va pura për ël mond. Boneur
e onor forse at daran d’àutri pais,
ma pòrt-te tò Piemont an drinta al cheur
come l’amor sincer d’un vej amis:
ricòrda chi a l’ha date sangh e vita,
giovo dësmentia nen toa Patria cita!
La piccola patria 

Giovane, che entri adesso fresco nella vita,
ansioso di correre a scoprire tutto il mondo,
e covi un sogno di gloria che ti invita
a conoscere i misteri più profondi,
prima di prendere il volo per i paesi lontani
fermati un momento: non ci sarà più tempo domani.

Come ti ricorderai della tua piccola patria,
negli anni veloci che ti porteranno in giro,
per la strada del mondo non sempre diritta,
nelle ore di gioia che passano in un sospiro;
se non ti fermi (non ti fermeresti) adesso un momentino
per conoscerla un po' meglio e volerle bene?

Guardati attorno: questo è il tuo mondo, la tua terra,
dove sei nato, dov'è nato tuo padre
dove parlano e vivono in una maniera
a nessuna uguale. Guardale e ti siano care
queste città, questo cielo, queste campagne,
questa regina incoronata di montagne.

Questa terra di pianure e colline,
rossa di vigne e ricca di campi e di prati,
quasi del colore dei mattoni delle cascine,
dalla povera montagna al ricco Monferrato,
quella è nostra madre, da lì veniamo,
noi apparteniamo ad essa e ad essa torneremo.

Là, nella Provincia granda e  nell'Astigiano,
su nelle case di pietra sparse per la montagna,
là c'è la nostra gente, là vi sono quelli che sanno
com'è buono il pane che si guadagna.
Giovani, imparate a conoscerli, sono i tuoi,
nati da questa terra che si specchia nel Po.

Tu vedrai che nei momenti di nostalgia
ti ricorderai delle nostre canzoni dei vecchi,
della nostra parlata ruvida e colorata,
ti verranno in bocca nei momenti più belli;
parole dimenticate tanto dolci e care
come da bambino te le diceva tua madre.

Tu adesso va pure per il mondo. Fortuna
ed onore forse ti daranno altri paesi,
ma portati il tuo Piemonte nel cuore,
come l'amore sincero di un vecchio amico;
ricorda che ti ha dato il sangue e la vita:
giovane, non dimenticarti della tua piccola patria.
Armando Mottura
da “La Patria cita” ed. Ij Brandé, Torino 1940


Una magnifica descrizione della lingua piemontese

Una magnifica descrizione della lingua piemontese l'ho trovata in: https://it.wikibooks.org/wiki/Piemontese. In particolare al punto 16 dice: " il piemontese è uno stile, è un modo di fare, è un tatto, un deuit, fine ma virile, diretto ma cordiale. Se lo vorrete, sarà un tratto che voi avrete e che vi caratterizzerà rispetto agli altri."
Il piemontese:
  1. È una lingua neolatina occidentale parlata in Piemonte, ma non su tutto il suo territorio è la prima lingua minoritaria. Nelle valli del Canavese e la Val di Susa (TO), c'è una penetrazione arpitana (la stessa lingua che si parla in Val d'Aosta e che continua al di là delle Alpi in Savoia). Dalla Val Chisone a scendere verso le vallate di Cuneo, il piemontese è compreso, ma le parlate di alta valle di solito vengono incluse nell'occitano. [Se ti stai annoiando passa al punto 4]. A sud-est della città di Alessandria la lingua locale diventa particolarmente dissimile dal Piemontese standard, per via delle influenze liguri, lombarde ed emiliane. Per queste ragioni Novi Ligure è considerata parte dell'area linguistica ligure e Tortona di quella lombarda. La Lomellina, dal punto di vista dei lombardi è un'area con influenze piemontesi, ma si tende a considerare quest'area come i granai di Milano. La provincia di Novara e quella di Verbania, vengono considerate dai piemontesi aree molto influenzate dal lombardo, il che è naturale in un contesto di Continuum dialettale. Tuttavia non ci sono difficoltà ad ammettere il novarese e il verbano nella koiné standard di Torino. Diviene più arduo includere l'ossolano, che rientra a tutti gli effetti nel lombardo occidentale, o insubre.
  2. Si è evoluta dal latino parallelamente all'occitano e all'arpitano, conservando alcuni elementi delle parlate celtiche e subendo alcune influenze germaniche.
  3. Non è necessario fondare nuove correnti di pensiero ortografico. Il piemontese è una lingua in cui il parlato non sempre aderisce allo scritto: questo carattere è necessario per tenere dentro tutte le pronunce geografiche (variazioni diatopiche), dovrebbe essere, a livello teorico, un aiuto a non confondersi e ad avere risposte precise a domande precise (nello scritto).
  4. Il piemontese ha una grafia scritta con una codifica che con gli anni è diventata accuratamente definita, abbastanza da poter prendere in mano una penna rossa e correggere accenti acuti e gravi. Si chiama Grafìa dij Brandé, codificata nel '700 e ristrutturata negli anni '30. Questa è una grande fortuna rispetto a lingue che hanno svariati germogli di tradizioni (e stravaganti sperimentazioni) ortografiche. Sappiatela apprezzare.
  5. Il piemontese è un blocco linguistico piuttosto omogeneo, con delle vistose e graziose varianti di pronuncia, ma quasi nessun cambiamento di lessico e nessun cambiamento delle strutture grammaticali.
  6. Le statistiche del 2005 affermavano che il piemontese fosse ancora parlato da più di 2 mln di persone e compreso da circa 1,3 mln, in calo per via dell'onnipresenza dell'italiano. In realtà dal 2005 ad oggi i numeri sono continuati a scendere, quindi quella statistica non è più applicabile. Tanto più che quelle cifre erano riferite a dei locutori di età avanzata e per lo più analfabeti. L'alfabetizzazione di livello medio-alto dei piemontesi in cifre reali supera al massimo le 2000 unità. È un obiettivo di questa modesta opera invitare all'alfabetizzazione e alla codifica coloro che conoscono già questa lingua oralmente.
  7. Non è un dialetto della lingua italiana né della lingua francese, bensì una lingua, così come riconosciuto dall'UNESCO. Ma non stiamo a ripeterlo più di tanto: alla fine chi lo ritiene una lingua infima e macchiettistica non cambierà idea; se non sa sentirlo suo, non lo farà suo, pur avendo tutti i mezzi a disposizione. A meno che non sia retribuito, allora lo farà suo ben volentieri.
  8. Esiste una consistente letteratura in piemontese che tratta molti generi sotto molte forme letterarie.
  9. Ha raggiunto il massimo splendore nel '700, quando era lingua ufficiale e lingua di corte del regno di Sardegna.
  10. Non si usa solo in determinati ambiti: è una lingua a tutti gli effetti. Può essere usata in modo disinvolto per parlare di vigneti come di politica internazionale.
  11. Ovviamente il piemontese non è mai entrato in università, però il lessico tecnico che ha sviluppato in alcuni settori, come per esempio la meccanica, è prova di un suo uso diffuso in ambienti di lavoro fino agli anni 1980, nonostante le proibizioni legate alla necessità di integrare manodopera extra-piemontese con gli operai del posto.
  12. Imparare il piemontese oggi può essere pregevole perché è in rapida via di estinzione e potreste essere gli ultimi a conoscerla.
  13. Imparandola vi accorgerete di quanto sia diversa dall'italiano e probabilmente questo vi affascinerà.
  14. Non ha una grammatica difficile: ha 11 verbi irregolari, quasi tutti i sostantivi invarianti al plurale e solo 6 tempi indicativi. Il congiuntivo inoltre è di fatto trascurabile, comunque lo segnaleremo.
  15. Infine, non si può costruire la propria conoscenza del piemontese con l'italiano in testa. Occorre che si sappia, prima o poi, pensare direttamente in lingua, elaborando concetti più complessi via via che si articolano le strutture grammaticali e si apporta la necessaria ricchezza lessicale.
  16. Il piemontese è una lingua molto interessante come ponte verso le altre. Gli elementi in comune con il francese, l'inglese e le lingue iberiche permettono a chi ha migliorato il suo piemontese di impararne più in fretta delle altre. In fin dei conti però, non serve a niente. Non è vero che senza sapere il piemontese non potrete ottenere comunque ciò a cui ambite. È pieno di gente che, ignara della sua lingua madre, ha fatto grandi cose e si è realizzata nella vita. Però il piemontese è uno stile, è un modo di fare, è un tatto, un deuit, fine ma virile, diretto ma cordiale. Se lo vorrete, sarà un tratto che voi avrete e che vi caratterizzerà rispetto agli altri.